Il buongiorno si vede dal mattino: il segreto per controllare la fame durante il giorno

venerdì, ottobre 16th, 2009

pasticciniHo notato che se durante la mattinata mi capita di rompere la dieta con un dolcetto al mattino quando c’è il compleanno di un collega o un qualche evento, poi ho molta più fame durante il resto della giornata.

Sono quindi andato a documentarmi ed ho scoperto come funziona il meccanismo della fame e come questo sia legato alla glicemia e l’insulina:

Le sensazioni di fame e di sazietà sono parzialmente regolate dalla presenza di glicemia nel sangue, se la glicemia è bassa si ha la sensazione della fame. Quando la glicemia è alta il corpo produce insulina per regolarla (l’ipoglicemia e l’iperglicemia possono portare al coma diabetico).

Quando si mangiano cibi ad alto indice glicemico (es un cornetto alla crema), la glicemia ha un picco cui consegue una massiccia produzione di insulina, può accedere quindi che la troppa insulina prodotta durante il picco glicemico riduca troppo la glicemia e si ripresenti molto presto lo stimolo della fame.

Ecco perchè, anche se in teoria dovremmo essere sazi, dopo aver mangiato un cornetto o pasticcino mignon (che contengono una valanga di calorie e carboidrati e quindi in teoria dovrebbero togliere la fame), la fame dopo pochissimo tempo si ripresenta ancora più forte.

Questo meccanismo può portare le persone che mangiano peggio ad avere problemi sulla produzione di insulina ( diabete)  il tutto è spiegato molto bene in questa immagine che ho tratto dal sito www.Cibo360.it

In figura 1a è riportato il caso relativo all’ingestione di carboidrati a basso indice glicemico: la glicemia s’innalza gradualmente, viene secreta una quantità normale d’insulina che riporta gradualmente la glicemia ai livelli precedenti l’assunzione di carboidrati. In questo caso la fame sopraggiungerà dopo circa 3 ore.

Figura 1b: a seguito dell’ingestione di carboidrati AIG (ad Alto Indice Glicemico), la glicemia subisce un brusco innalzamento, viene secreta una quantità notevole d’insulina che causa un’altrettanto brusca diminuzione della glicemia. In una situazione di questo tipo la fame sopraggiungerà dopo circa 1 ora dall’assunzione della stessa quantità di carboidrati.

insulina

La produzione glicemia viene stimolata dai carboidrati con alto indice glicemico, quindi sarebbe bene evitarli.

L’indice glicemico di un alimento indica la velocità con cui aumenta la glicemia in seguito all’assunzione di 50 g dell’alimento. L’indice glicemico è espresso in termini percentuali, rapportandolo alla velocità di aumento con la stessa quantità di glucosio (indice pari a 100): un indice glicemico di 50 significa che l’alimento innalza la glicemia con una velocità che è la metà di quella del glucosio fonte:wikipedia

Capito questo non ci resta che fare riferimento alla Tabella degli Indici Glicemici del Dr. Montignac e cercare di scegliere prodotti con un indice glicemico basso per non passare la giornata straziati dalla fame.

Popularity: 6% [?]

I succhi di frutta aumentano il rischio del diabete

lunedì, luglio 14th, 2008

Peter Venkman

O mio dio! Ma questa è la fiera del precotto! Davvero lei mangia questa roba?

…Disse il dottor Peter Venkman aprendo il frigorifero della bella Dana nel celebre film Ghostbuster.

In questa calda giornata di luglio prendo spunto dalla notizia che i succhi di frutta aumentano il rischio del diabete, pubblicata su parecchi giornali in questi giorni, per discquisire in maniera destrutturata: parlando bene della frutta,  male del mio fruttivendolo e già che ci siamo fare un invettiva contro i cibi precotti.

Cominciamo con le cose piacevoli: la frutta, i frullati di frutta e le centrifughe di frutta.

Frullati: di fragole, pesche ed ablicocche.. per i più viziosi di banane.

  • Nel latte parzialmente scremato a colazione..minimo mezzo litro per annullare, la fame e gonfiarsi la pancia.  ( Avvertenze: chi semina vento raccoglie tempesta…se mangi frutta alla mattina il pomeriggio avrai parecchia aria).
  • Nel pomeriggio..anche senza latte, con ghiaccio ed acqua per fare una specie di cremolata.. una merenda sanissima.
  • Alla sera – per annullare il benefico effetto della merenda: frullate con il minipimer 50% frutta, 25% ghiaccio e 25% Cachaça uno o due cucchiaini di zucchero di canna.  Da provare con Ananas, cocco, fragole, mango o i classici lime pestati per fare la Caipirinha…occhio che batte in testa dopo il terzo bicchiere, fa male al fegato, all’alito il giorno dopo, fa venire il diabete e non fa dimagrire. Va bevuto con la cannuccia larga in bicchiere di tipo Rock.

Cose spiacevoli: il mio fruttivendolo.

  • Dalla signora Lucia potete trovare a soli 8,50 euro al kilo le ciliegie (manco fosse carne argentina)
  • Le zucchine, melanzane e peperoni, dalla signora Lucia,  non sono MAI verdura di stagione ed hanno un prezzo direttamente proporzionale a quello delle ciliegie durante tutto l’anno.
  • Per permetterti il minestrone già pulito devi essere molto affermato nel mondo del lavoro.. impiegati come me possono permetterselo solo a Natale.
  • In sostanza: poco importa che sia colpa del caro vita o della signora Lucia, per  fare una alimentazione corretta prima o poi dovrò iniziare a coltivare le verdure in terrazzo o a fare cicoria per campi.

I succhi di frutta fanno venire il diabete:

  • Mi stupirei del contrario vista la grande quantità di zucchero che contengono.
  • I più attenti avranno notato che fanno venire anche le carie.
  • Solitamente contengono tra il 12% ed il 25% di frutta.. se la percentuale di frutta è al 100% e senza zuccheri aggiunti sono a base di succo concentrato (ovvero sciroppo).
  • Se in un succo di frutta il 25% è frutta, cos’è l’altro 75% ? non sarebbe più coerente chiamarlo “Succo di altro aromatizzato alla frutta”??
  • Questa cosa mi ricorda una battuta del celebre cabarettista romano Rodolfo Laganà a proposito dei biscotti dietetici.. 0% zuccheri, 0% grassi , 50% fibra, 45% proteine e solo il 5% di biscotto..
  • Qualcosa di serio: la citazione dal sito http://italiasalute.leonardo.itLydia Bazzano, coordinatrice della ricerca, spiega: “tre porzioni di frutta fresca al giorno, da sole, riducono del 18% le probabilità di insorgenza del diabete, e una sola portata di verdure incrementa i benefici di un ulteriore 9%. Basta però una porzione di succo di frutta per mandare in fumo per intero i benefici delle tre porzioni di frutta fresca”.
    Secondo la scienziata la colpa è della “grande quantità di zuccheri contenuta nelle bevande, che introdotta in forma di liquidi viene assorbita molto velocemente”.

Veniamo ora ai cibi precotti:

  • Termometro della qualità della vita, della qualità del matrimonio, indice della pigrizia e delle disponibilità economiche dei suoi fruitori.
  • Se hai poco tempo perchè sei un business man – Fare 2 zucchine in padella e buttarci in mezzo un pò di riso cucinato il giorno prima è difficile?
  • La besciamella con il minipimer si fa in 5 minuti.
  • Per fare una pasta al pomodoro e basilico non serve la besciamella.
  • Il petto di pollo ai ferri è poco chic ma facile da fare e consigliato in tutte le diete.
  • L’olio dei miei soffritti è più sano del non olio dei non soffritti precotti.
  • Nei ristoranti e nelle pizzerie: cominciamo a boicottare quelle che servono i supplì precotti e fatti con lo stampo che si comprano alla Metro o da Bofrost.
  • Statistiche riferiscono che la maggior parte delle persone depresse ama ingerire cibo precotto in piatti di plasitca prima del suicidio
  • Vuoi stupire? le crepes fattele da solo…dimostra che sei un vero uomo!
  • Ma il vostro orgoglio di cittadini Italiani dove va quando in televisione vedete le pubblicità delle lasagne precotte findus? Ma quelli sono prodotti che andrebbero venduti all’estero, prodotti perfetti per gli americani ed i giapponesi… in Italia dovrebbe essere vietato venderli.

Concludo:

  • L’altro giorno sono andato con mia moglie al ristorante.. era un ristorante parecchio chic, tovaglie nere, c’era un giapponese (vero) che affettava sushi in un angolo e c’era una bella vista sul Colosseo.. ho chiesto un piatto di spaghetti cacio e pepe.. presenti sul menù a 13 euro… me ne hanno portata una porzione in stile nouvelle cousine di massimo 50 grammi che per poco non gli ritiravo dietro…Lo avranno  fatto per aiutarmi a dimagrire,  per essere molto chic o per indurmi a riflettere che con massimo 2 euro me li facevo a casa?

Ma dove stiamo andando?
Non c’è più amore per la buona cucina?

Mangiare sano vuol dire amare se stessi. Mangiare Italiano vuol dire amare se stessi e la propria cultura.

Il precotto uccide le famiglie…

  • Giovani donne single diffidate degli uomini che tengono in frigo cibo precotto… una volta sposati non saranno abbastanza maschi da salvare la vostra casa da tale piaga.
  • Giovani uomini single, non sposate donne che non ispezionano il vostro frigorifero.. vi rifileranno prodotti precotti una volta sposati!
  • Quanto mancherà prima che la famiglia media italiana cominci a mangiare sul divano guardando la tivvù con il piatto sulle ginocchia come avviene per la famiglia media inglese?

Consiglio: regalate una copia del libro “Il talismano della felicità” di Ada Boni ad ogni vostro amico che si sposa ed ad ogni vostra amica che si laurea. Gli sarà molto più utile dei regali che si fanno di solito in queste occasioni.

Popularity: 2% [?]