Nel nome della mezza stagione

aprile 21st, 2009 by admin

Fa notizia in questi giorni uno studio condotto dal International Journal of Epidemiology nel quale si riporta che alti tassi di obesità, soprattutto nei paesi più ricchi, sono la causa di 1 miliardo di tonnellate di emissioni di gas serra ogni anno, rispetto ai paesi con una popolazione più snella.

Perché chi è obeso mangia di più e si muove di meno, quindi richiede una maggiore produzione alimentare (che ha un suo costo in termini di ambiente), inoltre l’obeso che per natura è sedentario fa un largo uso di mezzi di trasporto e quindi inquina.

Mi pare chiaro, il ragionamento non fa una piega e mi sento in dovere di  integrarlo facendo presente che

  • gli obesi hanno un costo maggiore per la sanità pubblica
  • consumano più acqua perché devono lavare una superficie maggiore di pelle
  • consumano più detersivo (inquinando fiumi ed uccidendo delfini) perché lavano più piatti dopo aver mangiato più abbondantemente
  • incidono sulla mortalità dei bovini perché avendo spesso  i piedi gonfi indossano scarpe più grandi che necessitano quindi di più cuoio per essere cucite
  • respirano più aria perché il loro apparato cario circolatorio deve muovere una massa maggiore.

L’obesità quindi  ora ha un nuovo lato negativo: contribuisce al riscaldamento globale.
Ergo chi è obeso contribuisce:

  • allo scioglimento dei poli (con conseguente morte di tanti orsetti polari)
  • alla formazione del Niño provocando alluvioni in paesi del terzo mondo
  • alla desertificazione
  • allo scioglimento dei ghiacciai
  • agli incendi boschivi
  • alla pioggia acida.

Per ora mi fermo ma penso che la lista potrebbe essere molto più lunga.

Ecco quindi che l’obesità diviene, grazie a questo studio,  simbolo negativo per eccellenza del benessere occidentale,  malattia che da forma ai vizi capitali della gola, dell’accidia e della lussuria.

Un nuovo passo in avanti verso la criminalizzazione dell’obeso? forse si, però anche un importante segnale per dire che chi mangia, come chi fuma, non fa solo male a se stesso.

Chissà se arriveremo mai a pubblicità progresso sul tono “chi mangia fa male anche a te, digli di smettere”?

Popularity: 4% [?]

Leave a Reply


+ 5 = 8