Giorgia Meloni: il giovane ministro contro la cultura che porta ai disturbi alimentari

novembre 28th, 2008 by admin

Ho letto con piacere la dichiarazione del Ministro della Gioventù Giorgia Meloni relativamente al pessimo esempio alimentare che viene portato dal programma  l’Isola dei Famosi, programma nel quale i concorrenti ora digiunano, ora si abbuffano (ed io aggiungo che nel frattempo si beccano e trombano).

Ho letto con altrettanto piacere che il Ministro ha presentato ieri un sito dedicato ai disturbi alimentari che si chiama Timshel, parola ebraica che vuol dire “tu puoi” ..sarà mica dedicato a me??

Il portale Timshel, per quanto desolantemente vuoto, nasce con tutti i presupposti per essere un buon punto di riferimento per i navigatori: vi collaborano l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù , L’associazione Bulimia Anoressia ed i partecipanti del progetto Pe(n)sa differente (un progetto di sensibilizzazione sull’argomento). Tra i pochi contenuti pubblicati si trovano la piramide alimentare, ed una testimonianza di una adolescente in crisi per colpa delle merendine e del fast-food.

Sono curioso di vedere come si evolverà, per portare (se magari lo attivano) anche la mia esperienza attraverso un post sul forum.

Tornando all’Isola dei Famosi (che non si è capito per chi siano famosi quei tizi perché io sinceramente, a parte Luxuria ed il mitico Ciavarro, stavolta non ne conoscevo neanche uno) non posso che essere d’accordo con la Meloni. Anche se, più di una volta, non lo nego, ho sognato anche io di trovarmi in una situazione stile isola deserta: sole, mare, tanto nuoto (quando ancora mi entrava la muta facevo pesca sub) e sopratutto poche cose da mangiare, niente tentazioni; la certezza di dimagrire, in un modo o nell’altro, con le buone o con le cattive, in pochissimo tempo.

Non posso che auspicarmi quindi che queste dichiarazioni che condivido possano un giorno trasformarsi in un qualcosa di concreto contribuendo ad un processo di riqualificazione della nostra televisione pubblica. Perché per sentir parlare un nutrizionista in RAI i nostri giovani dovrebbero marinare la scuola per assistere ad Uno Mattina o TG 2 costume e società, mentre per tutto il resto della giornata, sopratutto in prima serata (io parlo da persona che non vive attaccata alla TV, quindi se qualcuno non è d’accordo lo prego di smentirmi)  vanno in onda solo modelli sbagliati.

Ho una figlia che ormai ha quasi due anni ed vivo nella paura che possa acquisire le abitudini alimentari che mi hanno portato all’obesità, o peggio che la possano portare all’anoressia..dico peggio perché di anoressia si muore a 15 anni mentre per l’obesità c’è più tempo per recuperare.
Cosa farò quando mi chiederà di fare danza? la manderò a Judo? e se iniziasse a vedere Amici e quel programma sui tronisti di cui non ricordo il nome? se volesse per forza avere il fisico di una velina?  Riuscirò a recepire ed interpretare correttamente i campanelli d’allarme che il suo comportamento mi invierà quando comincerà ad essere adolescente?

Lo scorso dicembre sono andato con mia moglie a Londra, e tra lo shopping in Oxford Street e più di un Fish & Chips (povero fegato mio quei giorni! ma che sapori!!!) abbiamo visitato il museo delle cere Madame Tussaouds; lì ho visto qualcosa che mi è rimasto veramente impresso: una ragazzina inglese di circa 14 anni che saltellava dalla gioia ed entusiasticamente si metteva in posa accanto alla statua di cera di Kate Moss mentre i genitori, assolutamente ignari di chi fosse Kate Moss scattavano una foto.

Ora, sarà perché, come mi rimprovera sempre mia moglie, sono troppo aggiornato sul gossip perchè di tanto in tanto in ufficio vado a leggere il sito del Tgcom, sarà perché sono per mia passione attento a quello che succede nel mondo della musica rock, io so che Kate Moss è una modella,  con seri problemi comportamentali, di droga ed anoressia e che il suo fidanzato è il classico punkettone tossico tipo Sid Vicus (un alter ego musicista del Sorcio di Romanzo Criminale per chi non lo conoscesse).

Ecco perché mi preoccupo per la mia bambina!
Se ora che ho poco più di 33 anni non riesco a capire cosa mai passerà mai nella testa di una ragazzina quattordicenne per vedere un personaggio come Kate Moss come qualcuno accanto a cui sarebbe bello farsi la foto, cosa farò quando avrò 45 anni e mia figlia 14?
Riuscirò con l’esempio ed il mio lavoro di genitore a bilanciare la valanga di modelli fasulli che questa televisione così consumistica le lancerà addosso??

Ritornando alla dichiarazione di Giorgia Meloni, non mi rimane che sperare in cambiamento in meglio, almeno per il servizio pubblico, in questi 12 anni che mi restano prima che mia figlia diventi adolescente.

Nota: la foto del ministro l’ho presa dal sito http://giorgiameloni.garbatella.it non so che a tipo di diritti sia vincolata… nel caso avesse dei diritti riservati fatemelo sapere per le vie brevi commentando l’articolo così la levo al volo.

Popularity: 6% [?]

Leave a Reply


8 + = 13